Il Millennial che potrebbe diventare il prossimo leader Italiano.

A Washington, Luigi Di Maio si è distinto. Tagliato e sbarbato, il politico italiano è una generazione più giovane della maggior parte dei membri del Congresso che ha incontrato questa settimana. Ma se l'apparentemente improbabile si dovesse verificare e l’un tempo rinnegato movimento a cinque stelle di Di Maio, dovesse emergere vittorioso nelle elezioni politiche italiane a marzo, il 31enne potrebbe unirsi alla crescente lista di giovani uomini di stato europei come prossimo primo ministro italiano.

In Francia, il trentanovenne Emmanuel Macron ha scosso il sistema politico travolgendo i voti della sinistra e della destra in un nuovo colosso politico centrista. In Austria, il trentunenne Sebastian Kurz è pronto a governare sotto una coalizione conservatrice.

“adesso è il momento dei giuovani in Europa” di Maio ha affermato al WorldWiew di oggi a Washington, questa settimana. “l’intera classe politica sta diventando sempre più giovane”.

Ma poche storie di ascensione politica sono sorprendenti quanto la sua. Di Maio, cresciuto nella corruzione e nei dintorni degradati di Napoli, abbandona l’università e non ha mai svolto un lavoro come professionista.

Numerosi titoli di giornali internazionali lo descrivono come un "ex cameriere". Ha iniziato a farsi notare solo attraverso il suo attivismo e il suo blogging a nome del Movimento a cinque stelle, un'organizzazione di protesta fondata meno di un decennio fa dal comico irriverente Beppe Grillo.

Nel 2013, il nascente movimento politico, capitalizzato sul disincanto diffuso contro lo status quo in Italia e ha vinto quasi 9 milioni di voti nelle elezioni di quell'anno - un risultato sbalorditivo che ha scosso il panorama politico del paese. Attraverso il sistema non ortodosso delle primarie online del movimento, il 26enne Di Maio divenne vice presidente della camera bassa del Parlamento italiano, la persona più giovane a ricoprire quella carica.

Negli anni successivi, il Movimento a cinque stelle ha affrontato l'establishment italiano, abbattendo il governo di centrosinistra dell'ex primo ministro Matteo Renzi lo scorso dicembre dopo essersi opposto alla sua spinta per le radicali riforme costituzionali. Sta anche gareggiando contro una destra risorgente, con l'ex primo ministro Silvio Berlusconi - sì, l'uomo dietro i partiti "bunga bunga" e una miriade di altri scandali - al timone di una coalizione di partiti conservatori.

A settembre, con la benedizione di Grillo e il supporto di altri mediatori del potere all'interno del movimento, Di Maio ha conquistato la leadership del partito in un'altra primaria online. Il Fatto Quotidiano, un quotidiano, ha indicato il voto online come "prova dell'eterna immaturità, incompetenza, inesperienza e natura radicata di un movimento che si sta ingrandendo ma non cresce".

Nonostante queste cose, Di Maio e i suoi alleati, tutto il Movimento a cinque stelle, rappresentano una chiara sfida a tutto ciò che ha preceduto il loro arrivo sul palcoscenico politico.

"Il movimento è nato dal fallimento di entrambe i partiti a sinistra ea destra", ha detto Di Maio. "Il vero problema in Italia è che ci sono molti cittadini che non si identificano con questi partiti perché non riescono a difendere i valori e gli interessi delle diverse parti del paese".

In questo senso, non è dissimile da altre forze politiche che si dichiarano contro contro l'establishment in Europa. Ma l'ideologia del movimento a cinque stelle è notevolmente difficile da definire. Il partito difende la giustizia sociale e ambientale, è scettico nei confronti delle grandi corporazioni e non si interessa, sebbene non del tutto contrario, all'impegno dell'Italia verso un'alleanza militare come la NATO. Eppure è anche animato da una sorta di libertarismo ostile al governo e desideroso di modificare il sistema finanziario.

"Ha una facciata di destra, sopra un seminterrato di sinistra, sotto un tetto anarchico", ha spiegato Beppe Servergnini, un giornalista italiano critico del partito, in un recente editoriale del New York Times. Di Maio predica una versione attentamente moderata della politica amorfa del partito. Anche se ha le sue rimostranze con l'Unione Europea, per esempio, Di Maio non la rifiuta allo stesso modo dei brigadieri anti-Bruxelles come la francese Marine Le Pen, il gli inglesi che escono dall’unione, o persino il suo stesso presunto capo, Grillo. "Non abbiamo intenzione di isolare l'Italia. Non abbiamo intenzione di esaltare i sentimenti nazionalistici ", ha detto Di Maio riferendosi a partiti di estrema destra in Europa. "Rifiutiamo assolutamente la caratterizzazione dell'essere chiamato un movimento 'populista'".

Riguardo alla questione delicata dell'immigrazione, egli punta una linea abbastanza convenzionale, lamentando l'onere ingiusto che l'Italia deve sopportare mentre migliaia di migranti e rifugiati cercano di raggiungere l'Italia dal Nord Africa. "Non crediamo nei muri fisici, ma non crediamo nemmeno nei muri invisibili che esistono", ha detto, riferendosi a E.U. regole che richiedono ai potenziali richiedenti asilo di rimanere nel loro primo porto d'ingresso. "L'Italia sta diventando il campo profughi in Europa", ha detto Di Maio. Come il francese Macron, ha esortato a fare di più per stabilizzare la situazione politica in Libia.

I critici del suo partito sottolineano che il Movimento cinque stelle ha beneficiato delle campagne di disinformazione russa, che Di Maio dice "fake news". "Non è Beppe Grillo che visita Putin ogni mese", ha scherzato, riferendosi ai legami stretti di Berlusconi con il russo Presidente.

Ed è Berlusconi che potrebbe essere il principale ostacolo al potere di Di Maio. La coalizione di destra, ancorata dal partito dell’ex primo ministro “Forza Italia”, ha vinto le elezioni regionali in Sicilia questo mese, un voto visto come un campanello d'allarme per le elezioni nazionali. Il candidato siciliano delle 5 stelle, nel frattempo, si è piazzato al secondo posto dietro a Berlusconi in quella che è una parte tradizionalmente conservatrice del paese, e Di Maio lo considera un "buon auspicio". "Non credo affatto a una resurrezione di Berlusconi", ha detto Di Maio. "Il nostro movimento è riuscito a rimpiazzare il centro-sinistra, e penso che saremo in grado di fare la stessa cosa per il centro-destra".

Ishaan Tharoor

Post Recenti
Tags: