Da Oslo a Parigi, le Capitali si stanno organizzando per liberarsi delle auto - Ci arriveremo a Roma

Traduco e pubblico articolo dal WEF, soltanto per dire che la situazione in italia non è stata ancora presa in considerazione. ediamo quale sarà il primo comune in Italia a applicare il Diesel Ban.

Oslo è una delle 12 città che sta pianficando di bandire le auto in un futuro prossimo.

This article is published in collaboration with Business Insider.

Alla fine del 2016, il sindaco di Madrid, Manuela Carmena ha presentato il suo piano per estromettere le auto private nel centro cittadino. Ha confermato ad una radio che la Gran Via potrà essere trafficata solo da bici, bus e taxi entro il 2019. E’ una parte del piano per bannare tutte le auto a benzina a Madrid per il 2025.

Madrid non è l’unica grande capitale. Ecco la lista del movimento Auto-free.

Oslo svilupperà il suo divieto per il 2019

Oslo prevede di vietare in modo permanente tutte le auto dal centro della città dal 2019 - sei anni prima del divieto a livello nazionale norvegese.

La capitale norvegese investirà pesantemente nel settore dei trasporti pubblici e sostituire 35 miglia di strade precedentemente dominati da macchine con piste ciclabili.

"Il fatto che Oslo si sta muovendo in avanti in modo rapido è incoraggiante, e penso che sarà fonte di ispirazione, se avessero successo", dice Paul Steely White, direttore esecutivo di Transportation Alternatives, un'organizzazione che sostiene i motociclisti a New York e sostenitori per città senza auto.

Madrid

Madrid prevede di vietare le auto da 500 acri nel suo centro entro il 2020, attraverso una riprogettazione urbanistica di 24 delle strade più trafficate della città in modo che si possa camminare invece che guidare.

L'iniziativa fa parte del "piano di mobilità sostenibile," della città, che mira a ridurre l'uso dell'automobile dal 29% al 23%. I conducenti che ignorano la nuova normativa pagheranno una multa di almeno $ 100. E le auto più inquinanti pagheranno di più per parcheggiare.

"Nei quartieri, si può fare molto con piccoli interventi," Mateus Porto e Verónica Martínez, che sono entrambi architetti e urbanisti del gruppo di pressione pedonale locale Un PIE, ha detto Fast Company. "Crediamo che, indipendentemente da ciò che il Piano Generale dice circa il futuro della città, molte cose si può fare oggi, se c'è la volontà politica."

People in Chengdu potranno arrivare ovunque in 15 minuti.

Architetti con sede a Chicago Adrian Smith e Gordon Gill hanno progettato una nuova zona residenziale per la città cinese. Il layout rende più facile camminare che guidare, con strade progettate in modo che la gente può arrivare ovunque camminando in 15 minuti. Mentre Chengdu non vieterà completamente le automobili, solo la metà le strade della città di 80.000 persone permetteranno veicoli. Il Comune inizialmente prevedeva questo entro il 2020, ma i problemi di zonizzazione hanno ritardato la scadenza.

Hamburg sta rendendo più facile il non guidare.

La città tedesca prevede di fare a piedi e in bicicletta la sua modalità di trasporto principale. Entro i prossimi due decenni, Amburgo ridurrà il numero di auto consentendo solo pedoni e ciclisti per entrare determinate aree. Il progetto prevede un Netz Gruenes, o di una "rete verde", di spazi collegati dove le persone possono accedere senza automobili. Entro il 2035, la rete coprirà il 40% di Amburgo e comprenderà parchi, parchi giochi, campi sportivi, e cimiteri.

Le bici dominano la strada a Copenhagen.

Oggi, oltre la metà della popolazione di Copenhagen va a lavorare ogni giorno in bici, grazie allo sforzo della città di introdurre zone pedonali solo a partire dal 1960. La capitale danese ora vanta più di 200 miglia di piste ciclabili e ha una delle percentuali più basse di proprietà di automobili in Europa.

L'ultimo obiettivo è quello di costruire una superstrada per biciclette che si estendono ai sobborghi circostanti. Il primo dei 28 percorsi pianificati aperto nel 2014, e 11 più sarà completato entro la fine del 2018. La città ha anche promesso di diventare completamente carbon-neutral entro il 2025.

Parigi eliminerà le auto e raddoppierà le ciclabili.

Quando Parigi ha vietato le auto con targhe con numero pari per un giorno nel 2014, l'inquinamento è sceso del 30%. Ora, la città vuole scoraggiare le auto da guidare nel centro della città a tutti.

A partire da luglio 2016, tutti i piloti con vetture prodotte prima del 1997 non sono autorizzati a guidare nel centro della città nei giorni feriali. Se lo fanno, saranno multati, anche se possono guidare lì liberamente durante i fine settimana.

Il sindaco dice che Parigi prevede di raddoppiare le piste ciclabili e limitare selezionare strade per le auto elettriche entro il 2020.

Atene sta eliminando le auto.

Nel mese di dicembre 2016, Atene, Grecia ha annunciato che vieterà le auto diesel dal centro della città entro il 2025. L'iniziativa serve per migliorare la qualità dell'aria della città. Atene limita già veicoli diesel dal centro della città in certi giorni in base alle loro numeri di targa, ma il sindaco di Atene Giorgos Kaminis dice che il suo obiettivo è quello di eliminare finalmente tutte le auto dalla zona.

A Londra multe per il traffico.

Proprio come Parigi, il sindaco di Londra, dice che la città vieterà le auto diesel entro il 2020.

Attualmente, la città scoraggia l'uso di motori diesel in alcune zone della città facendo pagare una tassa di $ 12.50 al giorno per le auto diesel che entrano nelle ore di punta. Lo chiamano una "congestion charge".

"Londra sta organizzando una zona ultra low emission, che vieta tutti i tipi di veicoli diesel," Stephen Joseph dalla Campaign for Better Transport ha detto al Telegraph. "

non è improbabile che essi saranno vietate del tutto nello stesso modo di Parigi ha fatto."

Brussels pianifica la più grande area car free in Europa. La maggior parte delle strade che circondano Bruxelles 'piazza della città, borsa, e da Rue Neuve (un importante via commerciale) sono sempre state pedonali. Le strade costituiscono il secondo più grande zona pedonale in Europa, dietro a Copenhagen. Nel 2002, Bruxelles ha lanciato la sua prima "Settimana della mobilità", che avrebbe dovuto favorire il trasporto pubblico su trasporto privato. E per un giorno questo settembre, tutte le automobili saranno bandite dal tutto il centro della città. La città è alla ricerca di nuovi modi per espandere le sue zone senza auto - una proposta trasformare un famoso viale a quattro corsie in una zona pedonale. Nel mese di febbraio 2016, Bruxelles ha annunciato che le auto diesel realizzati prima del 1998 saranno vietate a partire nel 2018.

Mexico City spera di eliminare due milioni di auto dal centro cittadino.

Nel mese di aprile 2016, il governo locale di Città del Messico ha deciso di vietare una porzione di automobili nel centro della città due giorni ogni settimana di lavoro e due sabati al mese. Esso determina quali auto possono guidare in un dato giorno utilizzando un sistema di rotazione basato sulle targhe.

Secondo l'Associated Press, la politica si applica a circa due milioni di auto e aiuta a ridurre i livelli elevati di smog della città.

Vancouver destinerà più strade alle bici e al traffico pedonale.

Mentre molte delle città di cui sopra hanno imposto divieti di auto, Vancouver ha convinto un numero crescente di residenti a fare i pendolari con i mezzi pubblici.

Come nota cityLAB, le persone a Vancouver prendono la metà di tutti gli spostamenti a piedi, in bicicletta, in autobus o metropolitana a partire dal 2015. Questo è molto più di qualsiasi città degli Stati Uniti di dimensioni comparabili, tra cui Seattle (21%) e Philadelphia (27%), secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2015.

Post Recenti
Tags:

© 2023 by The Artifact. Proudly created with Wix.com