GURU vs GURU (4) Diamanti vs Zagrebelsky

E’ difficile valutare e mettere a confronto due libri come quelli che sto presentare, sono innanzitutto due libri con forma discorsiva, sono entrambi ricavati da trasposizioni di dialoghi, nel primo caso tratti da lezioni di Ilvo Diamanti, l’altro tra il Prof. Luciano Canfora, Gustavo Zagrebelsky e Preterossi, quest'ultimo ordinario dell’Università di Salerno.

Come scritto sopra, nei libri che riportano discorsi, dibattiti o dialoghi non si può essere d’accordo con tutto, tuttavia la leggibilità e la comprensione del testo migliora decisamente, soprattutto in presenza di argomenti spesso ostici quali la Politica, La Filosofia, la Sociologia.

Il Libro di Diamanti è più divertente e discorsivo, quello di Canfora e Zagrebelsky decisamente più tecnico e più impegnato a discorrere su livelli decisamente vicino all’accademico gli avvenimenti della Politica e la democrazia letta attraverso i recenti avvenimenti e i principali avvenimenti della storia del secolo precedente.

Entrambe i libri presentano un capitolo

sulla politica e il populismo, la sua definizione, spesso sfuggente e quanto ha influenzato i recenti avvenimenti politici del paese, da Berlusconi in poi. Le posizioni dei diversi autori sono spesso articolate e interessanti, entrambe le partentesi, presenti nei due lavori, andrebbero studiate ed approfondite, ma è interessante come un semplice termine entrato di prepotenza nel lessico di intellettuali e politologi abbia decisamente sconvolto l'interpretazione della politica da parte del mondo della cultura e della conoscenza. Eppure dovrebbero proprio essere gli uomini di cultura, i cattedratici a "salvare" il paese dai rischi di derive legate ad un populismo o addirittura ad un cesarismo, ma non leggiamo nessun atto di autoaccusa in merito, l'ignoranza lo stile di vita pieno di informazioni raccolte sulla rete e la percezione distorta del cosidetto popolo è dato come un dato acquisito. A mio avviso se per incanto il numero di persone dedite alla lettura raddoppiasse in questo Paese, per molti versi ci troveremo in una situazione diversa.

Sebbene suggerisca e preferisca il libro di Diamanti, Vince una "menzione speciale" un periodo di Canfora che faccio mio e che vale, ugualmente la lettura degli interessanti dialoghi presenti in questo libro.

“Politica , Economia e Cultura sono equivalenti, altrettanto importanti. Cosa vuol dire altrettanto importanti? Che il dominio della politica, per esempio, se non sostenuto da una solida formazione culturale che tiene insieme il tutto, fallisce. Lo stesso vale per l’economia, perché l’economia non è fatta degli algoritmi dei matematici che se ne occupano: è fatta di produzione e di consumi, quindi di abitudini, e la cultura è per l’appunto l’insieme della cose – lasciatemi usare questa espressione generica – nelle quali si pone la propria fiducia, la propria speranza, nelle quali si crede- E su questo anche l’economia ha bisogno di basarsi. Quindi la dimensione della cultura è fondamentale, e fondamentale naturalmente è che queste tre funzioni siano relativamente indipendenti l’una dall'altra.”

Post Recenti
Tags: