Salerno Caput Fondi Mentre i cittadini si indebitano in banca per pagare la TARI, i politici sbandi


Manca poco al voto delle amministrative e i due compari Presidenti, Renzi e De Luca stipulano un patto per la Campania, utilizzando fonti di finanziamento provenienti dai fondi Europei, cioè dai soldi delle nostre tasse. Con i nostri soldi dunque si adoperano per lo sviluppo del Meridione, e ovviamente dell’Italia Intera. Lo schema è quello inventato e attuato mille volte dai loro predecessori, investo, faccio dei lavori infrastrutturali in modo da poter dire che il PIL è aumentato. Ovviamente molta parte di questo flusso finanziario non arriverà ai cittadini, ma come è noto servirà ad aumentare il PIL lasciando invariato il REDDITO PROCAPITE e l’OCCUPAZIONE, indicatori che vengono analizzati dalla Commissione Europea per stabilire se il finanziamento ha sortito gli effetti desiderati. Ovviamente inutile dire che sono soldi delle tasse dei cittadini, L’IVA che paghiamo al 22% ad esempio, l’IMU, e le tasse sul reddito personale e di impresa.

Ma al di là di queste considerazioni, mettiamo queste spese in un banalissimo foglio di calcolo e vediamo nel dettaglio questo ultimo elenco di opere “per Salerno”, che prendiamo solo come esempio.

Iniziamo col dire che di questi investimenti, su 970 milioni soltanto 544 (il 56,08%) sono dedicati alla città di Salerno, gli altri investimenti sono considerabili investimenti che potranno influenzare l’attività economica di Salerno, ma decisamente molto alla larga. Costruire delle residenze a Fisciano e collegare un treno da Salerno all’università fino ad Avellino oppure elettrificare la tratta da Salerno fino a Avellino e Benevento è sacrosanto, ma non si tratta di investimenti in Salerno città, stessa cosa dicasi per il “Costa d’Amalfi”, aeroporto che ha quote anche della regione Basilicata e che si spera vada a coprire un area molto vasta, addirittura interregionale, magari anche Matera, prossima capitale della cultura.

Di questi 544 milioni inoltre solo 310 (il 57% delle opere previste per la città di Salerno, il 31,9% sul totale) sono da considerarsi delle novità, insomma per capirci sono delle realizzazioni relative alla nuova programmazione per i fondi a Salerno, il resto sono dei finanziamenti in via di conclusione oppure terminati e realizzati o infiniti. Tra queste opere ci sono i lavori per il PIP nautico (10 milioni) attualmente concluso (inaugurato durante le elezioni regionali, ma non operativo in quanto non ha visto l’interessamento di privati che aprissero il famoso polo cantieristico), ci sono interventi per finire il trincerone e la piazza della libertà, che possiamo dire al momento ancora in alto mare. Nei 544 milioni c’è anche il vecchio finanziamento per il porto di Salerno di 73 milioni, grande progetto, insieme a quello gemello per il porto di napoli voluto dalle precedenti amministrazioni regionali e già in itinere almeno nel porto di Salerno, tutti finanziamenti già trattati in un altro articolo.

Di questi ultimi 310 milioni a mio modesto modo di vedere, solo i 100 milioni “ZES”, e i 110 investiti per il litorale mi sembrano degli investimenti significativi che possano cambiare la nostra città.

La Zona economica speciale (ZES), riqualificazione area portuale e retroportuale (sgravi fiscali e contributi alle aziende ed incentivi per gli investimenti) inserito nel Patto SUD da finanziare con risorse nazionali all’esito dell’approvazione delle ZES con atto del Governo.) degli sgravi fiscali che andrebbero ad imprenditori della zona portuale e retroportuale, mi sembrano una interessante novità, ma come si legge, la zona ZES non è stata ancora approvata dal Governo, dipenderà dalle disponibilità di cassa a Roma e dalle imposizioni dei commissari europei riguardanti i parametri del piano di Stabilità. Insomma troppe varianti per poter dire che questi soldi li abbiamo portati a Salerno, personalmente lo spero e spero che questa linea di finanziamento venga accesa al prima possibile.

L’altra linea interessante è questa “Interventi di difesa e ripascimento del litorale della Salerno: 110 milioni su FSC 2014/20”. C’è da chiarire una cosa: a Salerno, se vogliamo che il nostro turismo passi da 3 a 3000, bisogna costruire una spiaggia, per spiaggia intendo almeno di 20 metri, che sia fruibile e pulita, al di la della pulizia delle acque, che è un discorso a parte. Qualora questa linea di finanziamento venisse utilizzata correttamente, al fine di massimizzare l’impatto economico sulla collettività dell’investimento stesso, credo che potrebbe contribuire a aumentare la coesione e lo sviluppo economico della nostra città. Se invece la si vuole utilizzare per barriere soffolte e pennoni, allora avremo perso l’ennesima occasione di sviluppo.

Mi fermo qui. Preferisco scegliere due linee e valutarle positivamente invece di sparlare contro le altre, che sono assolutamente inutili e che impiegano soldi nostri quando va bene per normale amministrazione al quale avremmo potuto provvedere anche noi con le tasse che arrivano al comune, ad esempio le multe con la viabilità. Ci sono opere che “aumenteranno il PIL” ma non avranno nessun “impatto con la coesione” come ad esempio il rifacimento del Corso Vittorio Emanuele fino a Piazza Portanova, visto che il primo lotto non ha avuto alcun impatto, se non sui tacchi delle scarpe da Signora, ci è dato ragionevolmente di prevedere che anche questo secondo lotto non lo avrà, e questo è intollerabile in una situazione sociale dove i cittadini ricorrono a indebitarsi in banca per pagare le imposte, anche comunali.

Davide Gatto

www.ilgattoquotidiano.info

Nota: il comunicato stampa del Comune

Fondi Europei e Patto per Campania, dalla Regione Campania 970 milioni per la città di Salerno

13/05/2016 - Infrastrutture, rigenerazione urbana, mobilità e parcheggi, ambiente, trasformazione urbanistica: on line il dettaglio dei finanziamenti

Oltre 900 milioni di euro per Salerno grazie ai fondi europei ed al Patto per la Campania. Il Presidente della Campania Vincenzo De Luca ha illustrato il grande programma d’investimenti destinati allo sviluppo della città di Salerno: infrastrutture, rigenerazione urbana, mobilità e parcheggi, ambiente, trasformazione urbanistica. ELENCO INTERVENTI STRATEGICI PER SALERNO Totale: 970 milioni di euro Patto per il Sud e proposte FSC 2014/20 1) Zona economica speciale (ZES), riqualificazione area portuale e retroportuale (sgravi fiscali e contributi alle aziende ed incentivi per gli investimenti) inserito nel Patto SUD da finanziare con risorse nazionali all’esito dell’approvazione delle ZES con atto del Governo: 100 milioni 2) Aeroporto di Salerno – Pontecagnano: 40 milioni finanziato con Decreto del Governo (Sblocca Italia - decreto legge n. 133 del 12 settembre 2014 – all’art.3, comma 2 lettera c) (Interventi previsti nel Master Plan Aeroportuale (FASE 1)) 3) Linea FS Salerno - Mercato S.S. - Avellino – Benevento: 230 milioni finanziato con FSC 2014/20 (Elettrificazione, velocizzazione e ammodernamento dell’infrastruttura ferroviaria esistente, compresa la tratta Mercato S.S. – Codola - Sarno) 4) Collegamento in sede propria del polo universitario di Fisciano con la tratta Salerno-Avellino della rete FS: 51 milioni finanziato con FSC 2014/20 5) Completamento metropolitana di Salerno: 100 milioni finanziato con FSC 2014/20 (tratta stadio Arechi - Pontecagnano – Aeroporto) 6) Università di Salerno: 4 milioni residenze universitarie finanziate con POC 7) Interventi di difesa e ripascimento del litorale della Salerno: 110 milioni su FSC 2014/20 8) Stazione FS di Salerno Centrale: 25 milioni (proposta della Regione al Governo su FSC 2014/20 extraPatto) sistemazione binari e realizzazione sottopassaggio per Cittadella Giudiziaria 9) Progetti di rigenerazione urbana: Palazzetto dello sport 40 milioni rimborsi POR 10) Progetti di rigenerazione urbana: II Lotto C.so V. Emanuele e Centro Storico - 5 milioni a valere sul POR 2014/20 11) Progetti di rigenerazione urbana: Riqualificazione impianti sportivi lungomare e nuovo impianto di pattinaggio - 5 milioni a valere sul POR 2014/20 12) Progetti di rigenerazione urbana: Riqualificazione, parcheggi e messa in sicurezza aree mercatali - 5 milioni a valere sul POR 2014/20 13) Messa in sicurezza della viabilità del Comune di Salerno: 20 milioni (proposta della Regione al Governo per FSC 2014/20 extraPatto) TOTALE: 735 MILIONI Infrastrutture Viabilità 16,5 milioni in corso Rigenerazione urbana 6,5 milioni in corso Cantieristica 10 milioni in corso Metropolitana di Salerno (completamento tratta Salerno Centrale – Arechi) 4 milioni in corso TOTALE: 37 MILIONI Porto di Salerno Grande Progetto Sistema integrato Porto di Salerno: 73 milioni Tutela dell’ambiente Stanziamento 30 milioni in corso Cultura, turismo e sviluppo urbano Stanziamento: 2,5 milioni in corso Teatro Verdi Contributo in conto spesa corrente: 1,5 milioni per tre anni (4,5 milioni) Contributo in conto investimenti per progetto speciale: 3 milioni finanziato con Fondi POC Altri contributi: 450mila TOTALE: 8 Milioni INTERVENTI PER IL SOCIALE Piano di Zona relativo all'attuazione del II Piano Sociale Regionale (D.D. n. 73 del 11/04/2016): 22,5 milioni Progetto pilota per le famiglie con carichi di cura a favore di minori, che presenti elevate caratteristiche di integrazione tra policy sociali e scolastiche: 2 milioni Progetto Vita Indipendente: 80 mila TOTALE: 24,5 Milioni Interventi in via di completamento finanziati a valere su risorse FESR 2007/13 Importo totale: 60 milioni

Post Recenti
Tags:

© 2023 by The Artifact. Proudly created with Wix.com