Novità politiche dall'Italia: Mattarella, Renzi, Gentiloni, il Bail-out MPS di Padoan, le nuove

Ecco la traduzione, parola per parola, dell'Ultimo articolo dell'Economist sulla situazione Italiana.

Più agevole del previsto

Paolo Gentiloni, ministro degli Esteri italiano, viene scelto per diventare primo ministro di emergenza del Paese Matteo Renzi, che ha perso un referendum cruciale, ha detto che sarebbe andato a casa. Ma potrebbe non restare a casa a lungo.

Fin qui tutto bene. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella è riuscito per il momento a evitare una situazione di caos politico in seguito al rifiuto del referendum di Matteo Renzi sulla riforma costituzionale del 4 dicembre. Una settimana dopo, dopo le dimissioni del signor Renzi come primo ministro e un giro vivace di discussioni ad alto livello, Il Presidente ha invitato Paolo Gentiloni, il ministro degli esteri nel governo uscente, a formare un nuovo Governo.

Il 12 Dicembre, Gentiloni è ritornato con con una lista di nomi, molti dei quali riconfermati dal governo Renzi.

I ministri hanno prestato giuramento in tarda serata. Il ministro degli interni uscente, Angelino Alfano è stato chiamato a ricoprire il vecchio incarico di Gentiloni agli esteri.

Il nuovo primo ministro in questi due giorni otterrà la fiducia dalle camere. Comunque il governo Gentiloni potrebbe risultare significativamente più vulnerabile di quello precedente. Avrà una maggioranza assicurata nella Camera Bassa, la Camera dei Deputati, ma la sua tenuta nel senato da 320 membri è più tenue. Le stime della forza combinata del partito Democratico Democratico (PD) e dei suoi alleati nella camera alta parte da 160 dopo che un gruppo di destra che ha dato sostegno esterno al signor Renzi ha annunciato che non avrebbe sostenuto il governo di Mr Gentiloni. E aveva subito imparato che non le sarebbe stato dato un posto al tavolo del Governo.

Le negoziazioni passate per la formazione di un governo italiano sono state spesso lunghe e attorcigliate. Ma questa volta molti fattori hanno creato un clima di urgenza.

Mattarella voleva un Premer in tempo per il consiglio europeo del 15 dicembre, che avrebbe portato insieme i leaders degli Stati dell'UE. Più importante ancora, un governo era urgente per gestire la crisi dispiegarsi nella terza banca italiana, Monte dei Paschi di Siena (MPS). E 'emerso il 9 dicembre che la Banca centrale europea aveva rifiutato di estendere al fine d'anno termine ultimo per la MPS di raccogliere € 5 miliardi ($ 5,3 miliardi), dal settore privato.

Il risultato più probabile ora è un bail-out da parte dello Stato.

Questo potrebbe spiegare il motivo per cui il sig Mattarella non ha cambiato il ministro delle Finanze, Pier Carlo Padoan, un tecnocrate cui conoscenze e le competenze saranno necessari nel lavoro che è già titolare.

Il Signor Gentiloni, membro della nobiltà italiana, ha molta più esperienza della politica. Ha iniziato la sua carriera come studente sulla sinistra marxista e fu attivo nel movimento ambientalista prima di stabilirsi nell'ala moderata del centro-sinistra. Era un ministro del governo di Romano Prodi tra il 2006 e il 2008. Ma il suo più grande qualificazione per per questo grande incarico è il suo essere inoffensivo e leale rispetto a Renzi.

Il primo ministro uscente può aver perso un referendum. Ma Renzi rimase leader del partito dominante.Come tale, si trovava in una posizione di forza per influenzare, se non controllare, la scelta del suo successore.

In una riunione della direzione Pd il 7 dicembre, il signor Renzi ha dichiarato che c'erano solo due opzioni che avrebbe accettato: un governo ad ampia base di unità nazionale o una amministrazione ordinaria per guidare il paese a elezioni anticipate nel mese di febbraio.

Deve aver compreso che la prima era irrealistica, visto che i rivali del PD avrebbero danneggiato le sue possibilità elettorali inserendo in una coalizione con il signor Renzi o suoi incaricati. Il Presidente della Repubblica ha poi volutamente bloccato la seconda.

Renzi ha dovuto scegliere il "meno peggio"

per lui - la nomina di un lealista che ragionevolmente si prevede che faccia posto al ritorno di Renzi quando è il momento giusto. Al primo ministro uscente era stata attribuita l'idea di mettersi a capo di un governo tecnico di vita breve. Ma chiaramente questo era impossibile. Se si fosse dimesso dal suo incarico per tornare immediatamente in sella, avrebbe perso credibilità. E il signor Mattarella era fermamente convinto che, anche se le elezioni probabilmente saranno anticipate rispetto alla prevista data nel 2018, non dovrebbero essere convocate prima che il Parlamento elabori nuove regole elettorali che si applicano ad entrambe le camere.

Attualmente ciascuna camera ha una legge elettorale diversa; il referendum del signor Renzi avrebbe abolito l'elezione diretta per il Senato, ma gli elettori hanno rifiutata. In precedenza aveva approvato una legge per la Camera dei deputati che abbia dato posti extra a qualsiasi partito vinca una gara da due turni, concedendole una garanzia di 54% dei seggi. Da sempre controversa, anche questa legge (l'Italicum) è stata screditata dalla sconfitta (referendaria) del signor Renzi.

Per riformare questo pasticcio si può arrivare all'estate, o più lontano.

Considerando che questo possa essere il momento giusto per una ritirata tattica, il signor Renzi ha annunciato in un lungo post l'11 dicembre che stava tornando in Toscana per ricominciare un altra volta dall'inizio.

Egli, tuttavia, rimarrà per il momento, come leader del PD. Tra le proteste riguardanti il fatto che il signor Gentiloni ha creato un quasi-replica del precedente governo, il signor Renzi continuerà ad avere occhi e orecchie dove conta a Roma. Uno dei suoi più fedeli seguaci, l'ex ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, sarà a gomito di Mr Gentiloni come sottosegretario nell'ufficio del primo ministro. L'impressione di Renzi e della sua assenza dai luoghi di comando era evidente dalla chiiusura del suo post su facebook: "Ci sentiamo presto, Amici", ha scritto: "Back in touch soon, friends".

Post Recenti
Tags: