La zona Euro Quel sentimento che affonda (ancora)

Ho tradotto questo articolo. E' la copertina di un recente numero dell'Economist. Buona lettura.

La zona Euro - Quel sentimento che affonda (ancora)

Se la germania, la francia e l’italia non riusciranno a trovare una maniera di fare viaggiare l’economia europea, l’euro potrebbe essere un'altra volta condannato.

Proprio un paio di mesi fa i leaders della zona euro credevano che, passata la tempesta, fossero alla fine tranquilli.

Incoraggiati dalla promessa di Mario Draghi, il presidente della BCE, di fare “qualsiasi cosa” per supportare l’Euro, la sicurezza è tornata nel Continente. La crescita sembrava ritornare, nonostante fosse una crescita lenta. Paesi periferici in difficoltà si sono ripresi, dopo dopo salvataggi e misure dolorose atte a ridurre i deficit di bilancio e migliorare la competitività.

La disoccupazione, specialmente tra i giovani, era ancora disperatamente alta, ma alla fine in molte nazioni stava diminuendo. E gli spread delle obbligazioni si erano ridotti drasticamente, al punto che i mercati finanziari hanno smesso di scommettere che l'euro sarebbe caduta a pezzi. E’ stata una illusione.

Nelle settimane recenti le nazioni della zona euro hanno iniziato a sytare sott’acqua un'altra volta. Il loro pil collettivo si è fermato nel secondo quadrimestre: l’italia è caduta in recessione vera e propria, il pil della francia era piatto e anche la mitica Germania ha visto un inaspettato, larga caduta nella produzione.

Il terzo quadrimestre sembra molto insalubre, perché da una parte l’euro zona ha sofferto un altro piccolo shock dalle sanzioni applicate dall’Occidente sulla Russia

Nel frattempo, l'inflazione è scesa pericolosamente verso il basso, a circa il 0,4%, ben al di sotto dell'obiettivo, il 2% della Banca centrale europea, sollevando il timore che la zona nel suo insieme potrebbe cadere in preda ad una deflazione radicata. I rendimenti dei titoli tedeschi sono in bilico al di sotto dell'1%, un altro precursore della caduta dei prezzi. La zona euro si trova (o vacilla) in netto contrasto con l'America e la Gran Bretagna, le cui economie sono godendo una crescita sostenuta.

Quello che era iniziato più di quattro anni fa come una crisi bancaria e del debito sovrano è divenuta in una crisi di crescita che ora avvolge i tre maggiori economie. Germania è in bilico sul bordo della recessione. La Francia è impantanato in stagnazione. Il PIL in Italia è appena sopra il suo livello, quando la moneta unica è arrivato 15 anni fa. Dal momento che questi tre paesi rappresentano i due terzi del PIL della zona euro, la crescita in posti come la Spagna e l'Olanda non può compensare il torpore di questi tre grandi paesi.

Le appena sottolineate cause delle nuove malattie dell’Europa sono tre problemi familiari e molto interrelati

In primo luogo, vi è una carenza di leader politici con il coraggio e la convinzione di far passare le riforme strutturali per migliorare la competitività e, infine, riaccendere la crescita: i grandi paesi hanno sprecato due anni concessi da Draghi con il suo "tutto il necessario" .

In secondo luogo, l'opinione pubblica non è convinto della necessità urgente di cambiamenti profondi e radicali. E in terzo luogo, nonostante gli sforzi di Draghi, il quadro monetario e fiscale è troppo stretto da strozzare la crescita, che rende le riforme strutturali più difficili.

Clouseaunomics

Differenti manifestazioni di questo problema possono essere visti attraverso l’euro zona.

Ma il paese che davvero incarna drammaticamente tutti e tre è la Francia. Questa settimana il presidente socialista hollane è stato costretto a rimpastare il suo governo per eliminatre Arnaud Montebourg, il quale è stato ministro dell’economia, è stato il suo più persistente critico da sinistra. Hollande, premier dal 2012, colui il quale ha promesso un futuro senza dolori, è difficilmente un riformista tatcheriano. Ma da quando ha nominato Manuel Valls come primo Ministro a Marzo, ha finalmente abbracciato i principi dei tagli pubblici, tasse più basse e riforme strutturali.

In teoria un Governo nuovo e più rivolto alle riforme può fare dei progressi, ma l’opinione pubblica non è preparata alle riforme. Il signor Hollande non è esattamente profondamente impopolare; non è impopolare come Matteo Renzi, che ha coraggiosamente reso il caso (ancora non ultimato) per riforme difficili, il presidente francese non è riuscito a convincere i francesi a convincere gli elettori che un doloroso cambiamento, inclusa una riduzione della grandezza dello Stato, è inevitabile.

Invece, il signor Montebourg e dei suoi compagni offrono l'idea accattivante che, se solo la zona euro fa ameno delle sue regole e consente aumenti dei deficit di bilancio e della spesa pubblica, non saranno necessarie riforme più dolorose, perché l'economia si miracolosamente stessa sollevare fuori pericolo dalle proprie difficoltà di avvio.

Le ragioni di Montebourg sono le più ascoltate perché ha ragione a proposito del terzo problema europeo: l’eccessiva austerità, forzata largamente sul continente dalla Germania.

Il sig, Draghi ha appena ammesso (alla festa di jackson hole) che la politica monetaria e fiscale è troppo stretta. Ha fatto capire che era a favore del quantitative easing, che sia l'America e la Gran Bretagna hanno usato, e per la politica fiscale crede sia opportuno fare di più per incoraggiare la crescita, un messaggio chiaramente volto al cancelliere tedesco, Angela Merkel.

Lei è il leader che è più saldamente attaccato alle regole della zona euro sulla disciplina di bilancio, così come è la Bundesbank tedesca che è più fortemente contro il quantitative easing.

Angela, possiamo dire che non ci hai mai provato

Nonostante la situazione, ci dovrebbe essere un affare. Se Hollande e Renzi possono dimostrare di essere sinceri per le riforme strutturali, la signora Merkel

La signora Merkel dovrebbe essere disposta a tollerare una politica di bilancio più permissiva (tra cui un aumento degli investimenti pubblici in Germania) e una politica monetaria più flessibile.

Chiudi gli occhi e potrtrai immaginae tre leaders lavorare con la Commissione Europea a completare il mercato unico spingendo per un accordo con gli Stati Uniti per il commercio.

Purtoppo, nel mondo reale, la signora merkel ha ragione a non credere alla Francia o all?italia: ogni volta che c’è stata la pressione esterna su di loro, hanno subito fatto marcia indietro sulle promesse di riforma.

E lei ha appena installato Jean-Claude Juncker, il candidato do-nothing, come presidente della Commissione europea.

Così sarà difficile. Ma senza una nuova spinta da parte dei leader del continente, la crescita non farà rivivere e la deflazione potrebbe prendere piede. Il Giappone ha subito un decennio di crescita perduta nel 1990, e sta ancora lottando.

Ma, a differenza del Giappone, l'Europa non è un singolo paese coeso. Se l'unione monetaria non porta altro che la stagnazione, disoccupazione e deflazione, poi alcune persone alla fine voteranno per lasciare l'euro. Grazie alla promessa di Draghi di mettere un pavimento sotto il debito pubblico, il rischio di mercato che le pressioni finanziarie potrebbero innescare un break-up si è ritirato.

Ma il rischio politico che uno o più paesi decidono di uscire fuori dalle turbolenze della moneta unica è aumentato.

La crisi dell'euro non è scomparsa; si è solo in attesa oltre l'orizzonte.

The Economist

Post Recenti
Tags:

© 2023 by The Artifact. Proudly created with Wix.com