Panama Papers

Immaginate di vedere un telegiornale, dall’ìnizio alla fine, uno dei telegiornali prodotti da emettenti nazionali, come la rai, mediaset, la 7.

Vi capiterà di incrociare personalità della politica, capi di stato, professionisti, poi magari il tg parlerà di guerra in posti lontani, di dittatori e Stati Canaglia, dopo di questo si parlerà di Sport, qualche squadra di Calcio o di formula uno e magari, alla fine, parleranno di quel meraviglioso concerto o disco nuovo o del film che sta uscendo nelle sale questo fine settimana.

Il tutto, in una buona mezz’ora interrotta un paio di volte da spot di automobili, elettrodomestici, banche, assicurazioni, petrolieri.

Tutti questi attori hanno qualche cosa in comune, cosa che molti non immaginano.

Sono tutti quanti clienti di Una società fiduciaria famosa in tutto il mondo: la Mossack Fonseca.

La Mossack Fonseca è una ditta con circa 500 impiegati e ha sede a Panama e ha come titolare Fonseca, importante professionista e politico di Panama e Mossack, il cui padre era un ufficiale delle SS scappato dalla Germania grazie ad una sua collaborazione con la CIA, e stabilitosi, come tanti altri ex nazisti nel dopoguerra, a Panama.

Quale è il loro lavoro?

In pratica Mossack Fonseca apre delle società anonime, costituite secondo i dettami del diritto panamense, con dei prestanome. In un secondo momento i prestanome firmano una delega in bianco a favore dei proprietari reali, che finalmente possono operare. Così chi non vuole pagare le tasse o che non vuol fare sapere che maneggia tanti soldi, può farlo indisturbato.

Ce ne parlano diffusamente due giornalisti tedeschi, Bastian e Frederik Obermayer, giornalisti del Suddeutsche Zeitung di Monaco di Baviera.

Questo scandalo è stato chiamato in tutto il mondo lo scandalo delle “Panama Papers”. Qualche dato su quanto trovato da questi giornalisti: 5900 miliardi di dollari occultati, circa l’8% del PIL mondiale passa per queste fiduciarie offshore.

Putin, Porosenko (ucraina), il re Assad, la UEFA, e la FIFA, la Siemens, i vertici della burocrazia cinese, tutti i principali leaders africani, campioni dello Sport, importanti professionisti, non sono che i personaggi più in vista pizzicati da questo scandalo insieme alla fiduciaria Mossack Fonseca e a importanti banche come la commerzbank e la Deutsche Bank.

Mossack Fonseca fa quadrato e rimanda tutte le accuse al mittente. Il loro lavoro è legale a Panama e il loro è uno studio serio, che non fa nulla di male.

Per Nicholas Shaxon, un esperto mondiale di paradisi fiscali “il sistema offshore è un progetto delle elitè ricche e potenti , che vogliono godere dei benefici offerti dalla società senza pagarne il costo”, ancora Shaxon “il sistema offshore è il mezzo più potente che sia mai esistito per trasferire ricchezza dai poveri ai ricchi” Quanto basta per poter affermare che questo libro, insieme a pochi altri, narra una storia che tutti dovrebbero conoscere nei dettagli.

Dettagli. Sono proprio i dettagli che fanno rabbrividire, perché parlano, definiscono davvero quello che è il mondo del paradiso offshore, di quello che è l’1% rispetto a noi, che siamo il 99%. Basti pensare che a detta di questi giornalisti tedeschi, oltre 20 banche tedesche e 500 in tutto il mondo usufruiscono di serrvizi di vario genere della Mossack Fonseca. Praticamente parliamo di tutte le principali banche esistenti in Germania, che usano i “Panama Papers” per alleggerire il carico fiscale dei loro clienti.

In italia sono uscite due liste su L'espresso, ma soddisfano in verità più il vojerismo del lettore che l'esigenza di dire alla società che esiste questo problema, questo fenomeno, questa "tassa" che va sopra la testa di tutti noi.

Spero di potere aiutare in futuro a fare capire meglio anche io questa tematica.

Post Recenti
Tags: